21 Set Giffoni e Università, il 24 settembre l’Innovation Hub si presenta ai laureati

Altro che giornate spese aspettando una risposta al curriculum inviato, il terreno da battere per chi cerca un lavoro è cogliere le occasioni che l’Università ha da offrire, ne è un esempio la seconda edizione della “Borsa della ricerca – forSUD”, organizzata dall’Università di Salerno e la Fondazione Emblema.
La manifestazione, in programma a partire da domani e fino a giovedì 24 settembre, fa da ponte tra laureati ed aziende, oltre ad essere una vetrina per spin-off e start up, dando la possibilità ai giovani imprenditori di confrontarsi e sviluppare sinergie. Il format ricalca il Forum nazionale della Borsa della Ricerca ed è incentrato su un calendario di appuntamenti one-to-one tra università e potenziali finanziatori pubblici e privati, per favorire il sostegno economico alla ricerca.

Giovedì 24 settembre Giffoni Innovation Hub parteciperà all’iniziativa con l’obiettivo di creare un punto di contatto con il “tessuto” universitario, stimolando opportuntà concrete di trasferimento tecnologico ed innovazione in un’ottica di open innovation. Il CEO del GIH, Luca Tesauro, insieme ai suoi soci, costruiranno un’agenda di appuntamenti con i referenti dei centri di ricerca, dipartimenti e spin-off universitari, oltre ad incontrare i giovani laureati e laureandi dell’Ateneo salernitano.

Un trampolino verso il mondo del lavoro, dai sudati studi accademici all’occupazione nelle nuove realtà del territorio: così la Borsa della Ricerca prova a far entrare la formazione in azienda, cercando nuove strade per avvicinare il percorso universitario al tessuto produttivo locale. Ma non finisce qui. Un altro dei punti messi in luce dall’iniziativa saranno i momenti di confronto, conoscenza e raccolta di bisogni d’innovazione. In questo Giffoni Innovation Hub porterà ai ragazzi la testimonianza di quanto fatto in appena un anno di vita, puntando sempre su elementi precisi come: creatività, collaborazioni tra imprese, ricerca e territorio, scuola ed educazione tecnologica.