Giffoni Innovation Hub in un’app: è Smart Event, rivoluzionaria applicazione eletta guida ufficiale 2015 per districarsi tra le decine di appuntamenti di “Next Generation”, rassegna firmata GIH sulla cultura digitale. Grazie all’app ideata da Luigi Galluccio è possibile creare un programma “su misura”, scegliere secondo i gusti personali workshop e laboratori, attivare un calendario che invii aggiornamenti e alert per non perdere l’incontro con il mentor preferito.

“Dall’anno prossimo sostituiremo Giffoni Experience con Giffoni Opportunity. Il nostro obiettivo è lanciare un messaggio chiaro: a Giffoni non si trova solo il festival, ma anche cultura digitale e innovazione. In questi anni abbiamo continuamente scommesso su questo territorio, protagonista in prima persona delle nostre attività prossime. Adesso però è il momento dei contenuti e delle programmazioni che vadano oltre gli eventi culturali fini a se stessi. Per questo chiediamo alle aziende italiane di non lasciarci soli e di scendere al nostro fianco, contribuendo alla prosecuzione di questo cammino e segnando l’inizio di una nuova era”. Claudio Gubitosi, direttore di Giffoni Experience, ha le idee ben chiare: la Multimedia valley è un contenitore che va riempito con le energie che in questi anni hanno animato il festival.

Videogiochi, realtà aumentata e immersiva, visori, mobile games e consolle. Nella 45esima edizione del Giffoni Experience il gaming ha intrattenuto migliaia di ragazzi e ha mostrato le nuove frontiere dei giochi digitali. Un’attività che il Giffoni Innovation Hub ha integrato con workshop e round table dove si è parlato delle opportunità che il digitale può offrire a ragazzi e startupper. Un focus – quello sul gaming – che è stato approfondito nell’Antica Ramiera di Giffoni con la round table “Giffoni & Games”.

“Il futuro di Giffoni passa attraverso l’Innovation Hub, immagino una fuga dalla Cittadella del cinema, la nascita del nuovo, da Experience diventeremo Opportunity, qui i ragazzi troveranno casa, famiglia, capacità di impresa e occupazione”. Così il direttore del GFF Claudio Gubitosi apre la prima round table “Digital Opportunities” organizzata dall’Hub ieri all’Antica Ramiera.

Una carrellata delle più importanti espressioni internazionali dei festival del cinema per ragazzi ha caratterizzato la terza ed ultima giornata del Giffoni Doha Youth Media Summit, iniziativa promossa dal Giffoni Experience e dal Doha Film Institute, in collaborazione con Giffoni Innovation Hub, che si è svolta presso l’Antica Ramiera di Giffoni Valle Piana, nell’ambito della 45esima edizione di Giffoni Film Festival.

#CdMdigitale1m: la rivoluzione digitale è in arrivo e parte da Giffoni per svegliare la politica attraverso un hashtag che Giffoni Innovation Hub lancia in sinergia con Wired Italia al termine della round table “Digital Opportunities”, la prima delle tavole rotonde organizzate dall’Hub all’Antica Ramiera oggi e domani 24 luglio per fare il punto sul mondo dell’innovazione tra creatività e investimenti.

Grande attesta per le tre round table di Giffoni Innovation Hub. Il 23 e il 24 luglio l’Antica Ramiera di Giffoni Valle Piana verrà invasa da editori, produttori, giornalisti, investitori, gamers e startupper. Tutti riuniti in occasione dei tre appuntamenti sull’innovazione organizzati dall’Innovation hub, il cuore tecnologico e digitale di Giffoni Experience.

Se il Giffoni Innovation Hub fosse un reality, Gianluca Dettori di Dpixel, sarebbe il suo Joe Bastianich. È il suo lavoro e lo fa spietatamente. E al primo “Matching Table” organizzato dall’Hub all’Antica Ramiera il 22 luglio con domande incalzanti e smorfie perplesse scompone i progetti presentati, evidenziandone i punti deboli da rafforzare. Guarda al mercato, al contenuto.

Dalla digital economy al marketing. Dal marketing alla consulenza. Dalla consulenza al digital life coaching. Sono, in estrema sintesi, gli step professionali di Jacopo "Guedado" Mele, ventiduenne intriso di curiosità e tanta ambizione, che questo pomeriggio ha incontrato i ragazzi del Dream Team per il workshop “Lo spettacolo della strategia”.