La nuova programmazione comunitaria e le opportunità per le imprese culturali al centro della seconda giornata del Giffoni Doha Youth Media Summit in corso di svolgimento presso l’Antica Ramiera di Giffoni Valle Piana nell’ambito della 45esima edizione del Giffoni Film Festival. Il GDYM Summit è organizzato da Giffoni Experience e dal Doha Film Institute con la collaborazione di Giffoni Innovation Hub. Esperienze a confronto, best practice e nuove possibilità: questi i topics della seconda giornata di lavori che ha visto la presenza di Andrea Coluccia del Creative Europe Desk Media di Bari e del professor Luciano Monti, docente di Politiche dell’Unione Europea presso il Dipartimento di Scienze Politiche dell’Università Luiss – Guido Carli.

Ecco il gran finale. Mesi di workshop itineranti, 500 giovani coinvolti e un obiettivo: far conoscere il proprio progetto alla platea di investitori presenti nella Sala Truffaut della Cittadella del Cinema di Giffoni. Un evento organizzato dal Giffoni Innovation Hub, il cuore tecnologico e digitale di Giffoni Experience, in collaborazione con DPixel, Barcamper, auLab e PWC. Il tutto sotto la supervisione di Microsoft e Fondazione Cariplo. Giovani creativi e colossi tecnologici mondiali. Riuniti nella cornice che più di tutte da spazio ai ragazzi e valorizza il loro punto di vista sul mondo. 280 progetti totali, 11 finalisti, 3 vincitori.

Ecco una descrizione degli 11 progetti finalisti in concorso nell’edizione 2015 di Techgarage:

“Innovazione e hi-tech sono gli unici comparti che resistono alla crisi e funzionano in Italia, ecco perché lo Stato italiano dovrebbe fare un po’ come il Giffoni Innovation Hub, ossia facilitare l’accesso al libero mercato delle startup. Giffoni è uno di quei posti che ci spiega come deve essere il futuro del nostro paese”. Così Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera dei Deputati al Crowdfunding Day organizzato dall’Hub.

È stato Planet-Y il protagonista della giornata inaugurale del Giffoni Doha Youth Media Summit presso l’Antica Ramiera di Giffoni Valle Piana nell’ambito della 45esima edizione del Giffoni Film Festival davanti ad una platea di circa venti delegati internazionali, tra rappresentanti di festival del cinema dedicati ai ragazzi, agenzie cinematografiche e organizzazioni creative. Planet-Y è un innovativo network internazionale di ultimissima generazione che si pone l’ambizioso obiettivo di mettere in rete esperienze creative e culturali e che punta alla gestione ed alla promozione di eventi culturali per ragazzi e alla produzione di opere artistiche e creative nel campo dell’audiovisivo e del multimediale nell’era dei new media e social network.

Cinquantamila giovani coinvolti, 280 startup create per una produzione totale di oltre 1500 opportunità lavorative. Sono questi i numeri di Techgarage Startup Revolutionary Road Barcamper Tour, il programma itinerante che valorizza i progetti tecnologici di giovani innovatori e maker, in partnership con auLAB, il “laboratorio d’impresa” che prepara gli studenti di scuole ed università, all’avvio di startup.

Si definisce “un vero e proprio laboratorio d’impresa” e un “ponte che unisce scuola, università e lavoro”. E’ auLAB, azienda pugliese specializzata nell’accompagnamento dei ragazzi delle scuole superiori verso il migliore percorso universitario possibile.

Giffoni Innovation Hub presenta il “Crowdfunding Day”, giornata dedicata alle nuove opportunità di produzione e finanziamento per artisti, startup creative e industrie culturali. Appuntamento domani, 21 luglio, all'Antica Ramiera a partire dalle 17.30. Ampio e prestigioso il parterre di ospiti che illustrerà alla platea di giornalisti, investitori, operatori e curiosi le potenzialità dell’efficace strumento di finanziamento di progetti innovativi e culturali.

Nel quarto giorno di lavoro del Giffoni Dream Team si parla di videogames. Un tema esposto ai giovani web-talent da Giovanni Caturano, CEO dell’azienda beneventana che crea giochi, immersive environments e life-size games. Parliamo di SpinVector, un’eccellenza campana che guarda al mondo, un’azienda che lavora al confine tra il mondo materiale e quello virtuale grazie alla forza della creatività e della tecnologia.

La fabbricazione digitale sbarca a Giffoni Experience 2015. E lo fa grazie a un’eccellenza campana che ha come mission l’innovazione e la sperimentazione: il FabLab di Napoli. Nella 45esima edizione del Festival, il Giffoni Village si trasforma nel luogo dove scoprire i nuovi processi di produzione attraverso il digitale e le contaminazioni che rendono i ragazzi i veri protagonisti della digital fabrication.

 Il “Digital Village” ospita fino al 26 luglio “Immersive Experience”, un laboratorio unico al mondo che getta, letteralmente, i ragazzi in una dimensione virtuale talmente sofisticata da apparire reale. Semplicemente indossando un paio di Oculus Rift, giurati e pubblico di #Giffoni2015 potranno lanciarsi in una originale “caccia all’anfora” tra le stradine greche e romane della Paestum antica, ricostruita con l’ausilio di autorevoli fonti archeologiche (realtà virtuale), mentre altri gamer potranno indicare ai “giocatori immersi” il percorso giusto, visualizzandoli su una piattaforma/piantina in real time (realtà aumentata).