Giffoni, dal festival del cinema all’acceleratore di progetti creativi e culturali

Dalla Valle Piana, in provincia di Salerno, del Giffoni Film Festival nasce il «Giffoni Hub» come acceleratore di progetti, startup e format legati al mondo della cultura e della creatività.

Un progetto presentato a luglio durante l’Edizione 2014 del Festival del Cinema per ragazzi e sei mesi dopo divenuto realtà imprenditoriale con a capo Luca Tesauro, Ceo e founder affiancato da Orazio Maria Di Martino, founder e content manager e Roberto Esposito, già fondatore di Derev, piattaforma di crowdfunding, alla sua seconda startup in qualità di founder e strategist. «Giffoni Innovation Hub racconta di un percorso che può condurre con audacia al successo. E lo fa mediando le relazioni tra le leggi del mercato, i cui settori maturi sono sempre più poveri di occupazione, e i talenti individuali; tra le forme della cultura e gli individui pensanti – spiega Claudio Gubitosi, fondatore e direttore di Giffoni Experience – È in quest’ottica che si continua a ragionare: offrendo esperienze di vita che pur nel loro essere transitorie, hanno in sé la capacità di segnare piccole ma perenni trasformazioni sia in chi le vive che nel contesto in cui trovano spazio».

La mission per l’amministratore delegato di Giffoni Innovation Hub, Luca Tesauro, è chiara: «Vogliamo contribuire a sviluppare, sperimentare e valorizzare nuove dimensioni artistiche e culturali attraverso la tecnologia e i nuovi linguaggi digitali. Con il nostro lavoro ci impegniamo quotidianamente a promuovere progetti dedicati a startup, digital education, hacking, coding e multimedialità a 360°». Accanto al Giffoni Hub si affianca anche un altro obiettivo raggiunto: Giffoni Multimedia Valley in partenariato tra i tanti anche con Mangatar e SpinVector per lo sviluppo della creatività. L’apertura dei cantieri è avvenuta nel 2014 grazie al finanziamento dei fondi europei con 21 milioni di euro per la creazione del più grande polo creativo del Sud d’Italia che sarà anche luogo di scouting per i migliori talenti del territorio che hanno idee per il settore creatività e cultura a cui verrà offerto supporto dalla struttura per la realizzazione delle loro idee in azioni concrete promuovendo, al contempo, il panorama delle startup del Mezzogiorno. In questa multimedia valley non mancherà un centro per la formazione, un museo dedicato alle grandi opere del cinema – tra cui anche tutte le opere del maestro di effetti speciali e visivi Carlo Rambaldi che ha lasciato in eredità a Giffoni tante opera tra cui E.T. (effetti speciali) e King Kong (braccio meccanico) – la prima cineteca regionale dedicata ai ragazzi in ambito media e new media con archivio dei quarantacinque anni di festival e con tutti anche i nuovi format video per web e mobile.

«L’Hub di Giffoni è un polo da cui partono una serie di idee che vengono portate e diffuse anche negli altri paesi – racconta Luca Teasauro – Infatti, siamo sempre alla ricerca di opere da portare alla 45° edizione del Giffoni Film Festival che si terrà dal 17 al 26 luglio 2015. Vorremmo selezionare tra i 10 e 15 progetti culturali e creativi anche da vendere nei mercati esteri avendo costituito partnership internazionali con Brasile, Qatar, Macedonia, Albania, Australia e da poco anche con la Turchia. A San Paolo, in Brasile, apriremo la seconda sede dell’Hub a carattere internazionale, dove svilupperemo tutti i progetti che stiamo portando avanti in Italia, contribuendo ad arricchire il ponte tra Italia e Brasile e andando alla ricerca di nuove collaborazioni e partenariati». In occasione del prossimo festival verrà creata l’area del più grande openspace esistente per il co-working delle startup per facilitare la contaminazione delle loro idee ai fini della presentazione di un progetto completo agli investitori e partners. L’ampliamento delle attività multimediali si arricchirà nei prossimi anni con la struttura «Giffoni Games» che sarà un grande centro di creazione e sperimentazione con i ragazzi (dai 3 ai 20 anni) di videogiochi realizzati per nuove tecnologie e dispositivi multimediali. «Giffoni – afferma Tesauro – aspira ad essere il più grande centro di creatività multimediale giovanile anche in ambito digital e con l’aiuto del crowdfunding riusciamo a supportare progetti multimediali a cui offrire la consulenza dell’hub». Per candidare progetti ed idee consultare il sito

https://giffonihub.com

No Comments

Post A Comment