Recanati Experience day 3 – Ultime lezioni per i ragazzi degli istituti scolastici

“Il nostro futuro è più grande del nostro passato”, ha detto nel 1999 Ben Okri, romanziere e poeta nigeriano. Scrivendo il futuro non si può fare a meno di vedere cosa accade tra i giovani, nella cultura dell’innovazione. Se da un lato le nuove tecnologie aprono strade impensabili fino a qualche anno fa, dall’altro inizia a palesarsi l’esigenza di coinvolgere le scuole in un processo di apprendimento che stimoli la creatività e l’inventiva degli allievi attraverso gli strumenti digitali. È stato forse questo il senso del Recanati Experience Digital Days, il format incentrato sulla cultura digitale organizzato dal Giffoni Experience, in collaborazione con il Giffoni Innovation Hub, il dipartimento dedicato all’innovazione.

Per tre giorni più di 1000 studenti delle scuole primarie e secondarie sono stati protagonisti dell’evento. Insieme a tutor e docenti i ragazzi sono stati coinvolti in laboratori di programmazione (coding), videogame design e autoimprenditorialità. I Digital Days si pongono in perfetta sintonia con le strategie istituzionali del Governo Italiano e della Comunità Europea. Questi punti cardine, infatti, sono inclusi nel documento realizzato dal Ministero dell’Istruzione “La Buona Scuola” per la promozione e sensibilizzazione del digitale negli istituti italiani.

In “palestra” ma di programmazione si sono distinti centinaia di allievi delle scuole elementari, impegnati nei laboratori di CoderDojo, ovvero un un modo per divertirsi con il “codice” e apprendere come sviluppare giochi, app o piccoli siti web. Grazie alla partnership con CoderDojo Recanati, rappresentanta da Barbara Vignoni, Marco Vita e Diego Pranzetti, gli alunni delle scuole elmentari hanno iniziato ad acquisire competenze utili a programmare, sviluppare siti web, applicazioni, giochi e altro ancora. Tutor dei bambini sono stati docenti e maturandi dell’Itis “Enrico Mattei”, in un percorso didattico più vicino al gioco che ai libri di testo ma non per questo meno efficace.

In merito alle scuole secondarie di primo grado sono stati realizzati una serie di workshop sul mondo dei videogames e dei new games. Grazie alla guida di Andrea Postiglione, founder & CEO di Mangatar, un’azienda salernitana sviluppatrice di videogames, i ragazzi sono riusciti ad abbandonare per un momento la “poltrona” del giocatore, ponendosi verso il settore del gaming con sguardo critico e attento. Gli studenti sono stati coinvolti in laboratori di scrittura e stesura di un soggetto di videogame, partendo da un tema unficante: “andare oltre la siepe”.

Applicazioni che fungono da guida al territorio, sistemi operativi di ultima generazione in perfetto stile “Her”, passando per software in grado di controllare tutte le funzioni della casa (dall’allarme al risparmio energetico), fino al riutilizzo del caffè esausto come risorsa energetica alternativa: queste, invece, le startup ideate dagli studenti delle scuole superiori che, con l’aiuto di Davide Neve di auLab e Lisa Di Sevo di dPixel, sono stati in grado di definire la propria mission aziendale, districarsi con disivoltura tra le ardue leggi del mercato, approcciarsi in modo originale al marketing e la pubblicità del prodotto. Ma non finisce qui, sebbene a Recanati siano ormai conclusi i Digital Days, il percorso formativo prevede una fase successiva che si terrà in occasione della 45esima edizione del Giffoni Film Festival, in programma dal 17 al 26 luglio. Durante il Festival i progetti selezionati saranno presentati ad una platea di investitori e business angels italiani ed internazionali.

No Comments

Post A Comment