Youth in action for sustainable development goals: call for ideas della Fondazione italiana Accenture promossa da Giffoni

Si chiama “Youth in Action for Sustainable Development Goals- Edizione 2020” ed è la quarta edizione della Call for Ideas promossa da Fondazione Italiana Accenture, Fondazione Eni Enrico Mattei e Fondazione Allianz Umanamente sulla piattaforma digitale ideatre60, in collaborazione con ASviS e il supporto di Aiesec, Rus, Sdsn Italia e Sdsn Youth. A raccontare l’iniziativa durante il talk #GiffoniAUnMetroDaTe è stata Simona Torre, Segretario Generale di Fondazione Italiana Accenture.

Si tratta di una chiamata alle arti per tutti i giovani, dai diciotto ai trent’anni, laureandi o laureati, che hanno una spiccata sensibilità nei confronti dei temi relativi alla sostenibilità ambientale e la giusta creatività per proporre le loro idee progettuali. Il concorso ha infatti l’obiettivo di raccogliere e premiare le migliori idee sviluppate per contribuire al raggiungimento degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile, ovvero l’insieme di iniziative promosse dalle Nazioni Unite (e adottati dai 193 Paesi membri dell’Onu) che delineano le azioni da intraprendere a favore dello sviluppo sostenibile entro il 2030. Gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile indirizzano verso uno sviluppo capace di coniugare la crescita economica con la tutela dell’ambiente e il rispetto dei principi di equità sociale.

È un progetto importante che riguarda i giovani e che con Giffoni Opportunity condivide tre mission: la formazione, il lavoro e la sostenibilità – ha spiegato il direttore di Giffoni Opportunity Claudio GubitosiMilioni di giffoners sono da cinquant’anni al nostro fianco perché qui non solo trovano un luogo fisico, ma anche un territorio creativo dove è possibile scrivere pagine significative della nostra storia e produrre idee che sono utili alla società e alle aziende. Ecco perché abbiamo deciso di inaugurare con Fondazione Italiana Accenture, la prima delle nostre call dedicate al mondo delle imprese”.

La nostra fondazione è incentrata su un sistema valoriale che vede all’apice la formazione e il lavoro – sottolinea il Segretario Generale Simona TorreSenza naturalmente tralasciare un patrimonio di competenze fondamentale per tentare di dare delle risposte al futuro, a quello che il mondo ci chiederà. Ecco perché il nostro principale obiettivo è quello di favorire l’incontro tra due mondi, quello dei giovani sensibili e interessati ai temi che ruotano intorno alla sostenibilità e quello delle aziende italiane che a loro volta sono concretamente attive o comunque interessate ad attivare programmi coerenti su queste tematiche”.

Il concorso. Il concorso è articolato in due categorie separate: Categoria Youth in Action for SDGs – Stage (YIA Stage) dedicata a giovani under 30 che aspirano a entrare nel mondo del lavoro, sensibili alle tematiche di sostenibilità; Categoria Youth in Action for SDGs – Team (YIA Team), dedicata a piccoli gruppi under 30 interessati a sviluppare progetti di sostenibilità, eventualmente con un focus sulla filiera produttiva del caffè.

I requisiti di partecipazione. Per la Categoria Youth in Action for SDGs Stage (YIA – Stage) sono ammessi: giovani under 30 iscritti a un corso universitario/post-universitario (es. master, dottorato…) o già in possesso di titolo di laurea/post-laurea (es. triennale, specialistica, master, dottorato…). La partecipazione è ammessa per singole persone fisiche. Per la Categoria Youth in Action for SDGs – Team (YIA Team) sono ammessi: team interdisciplinari di tre studenti under 30 iscritti a una o più università italiane.

Come partecipare. Per partecipare è necessario seguire le seguenti procedure sulla pagina del concorso: accedere al sito http://youthinactionforsdgs.ideatre60.it/; effettuare la registrazione del partecipante – come persona fisica – sulla piattaforma ideatre60 o il login, se già registrati; accedere al form di partecipazione cliccando sulla barra “Partecipa al Concorso”; iniziare la compilazione del form di partecipazione, inserendo il titolo della propria idea progettuale; completare il corso e-learning propedeutico e obbligatorio per la partecipazione al concorso; concludere la compilazione di tutti i campi obbligatori richiesti dal form di partecipazione; inviare la propria idea progettuale.

I premi. Per la categoria Youth in Action for SDGs – Stage (YIA Stage) il premio consisterà in 20 stage retribuiti del concorso della durata da 3 a 6 mesi presso i promotori e partner: Accenture, Assidim, Conad, Gruppo Cooperativo CGM, Fondazione Allianz UMANAMENTE, Fondazione Eni Enrico Mattei, Fondazione Snam, Fondazione Sodalitas, Fondazione Unipolis, Italia non profit, Jobiri, Microsoft, Reale Foundation, Techsoup, Unicredit e WWF. Previsto poi un viaggio a New York per presentare il progetto vincitore alla International Conference on Sustainable Developement nel settembre 2020 e l’accesso preferenziale a una piattaforma internazionale di giovani innovatori. Per la categoria Youth in Action for SDGs – Team (YIA Team): 5mila euro da utilizzare per materiali e percorsi di formazione; un’esperienza di una settimana all’estero, in un paese produttore di caffè dove Lavazza è attiva con un progetto di sostenibilità. Per i finalisti si terrà un workshop formativo online finalizzato all’acquisizione di skills utili al perfezionamento della propria idea progettuale. La candidatura delle idee progettuali deve avvenire entro e non oltre il 28 aprile. Dal 29 aprile al 20 maggio saranno selezionate le idee progettuali finaliste, mentre dall’8 al 12 giugno si terrà un workshop informatico dedicato ai finalisti. La comunicazione dei vincitori si terrà tra il 22 e il 26 luglio.

Con la Fondazione Italiana Accenture abbiamo iniziato una collaborazione strategica e creativa sulle tematiche legate ai 17 obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile – dichiara Luca Tesauro di Giffoni Innovation Hub, che ha fatto da trait d’union tra le due realtà – Una partnership che ci permetterà di mettere a disposizione ciò che Giffoni fa da tempo, coltivando il talento di ragazzi che vogliono mettersi in gioco e creare progetti ad alto impatto sociale. Quale occasione migliore per dare un segnale di ripresa?”.